martedì 22 dicembre 2009

Biblioteca


L’8 dicembre di quattrocento anni fa (1609) il cardinale manzoniano Federico Borromeo inaugurò a Milano la Biblioteca Ambrosiana, la prima «pubblica» in senso moderno al mondo. I libri (roba preziosissima, al tempo) venivano dati a chiunque li richiedesse. Per leggere o consultare erano a disposizione sedie, tavoli, scranni, nonché penne, carta e calamai per prendere appunti. Addirittura, in sala erano sempre presenti, a turno, esperti nei vari rami a disposizione dei frequentatori per assisterli e consigliarli. Le sale erano riscaldate e i tavoli provvisti di pedane poggiapiedi per non affaticare le gambe. Questa era la Chiesa della Controriforma nella, per giunta, Milano spagnola.

Nessun commento:

Arte sacra