lunedì 19 gennaio 2015

Sei mesi di Biaginate

di Giovanni Zenone
Da sei mesi l'intrepida coppia dei coniugi Biagini tiene su La Voce di don Camillo la rubrica La cattiveria quotidiana, e gliene sono grato. Uno spassoso, graffiante, intelligente esercizio di sana critica satirica autenticamente cattolica - non nello stile blasfemo di Charlie Hebdo, con ogni evidenza - che aiuta in questi momenti di fine impero e di prodromi della catastrofe finale ecclesiastica e mondiale a vedere le cose con realismo ma anche sorridendo. Perché la Fede ci aiuta anche in questo, a tener presente che nonostante tutto lo schifo, la corruzione, le eresie, le infamie clericali, i tradimenti della Fede e della Sacra Tradizione divenuti ormai sistematici e programmatici, Dio è più grande di queste meschinerie umane, Dio guarda gli stolti da lontano e ride dei loro piani e complotti. La Madonna ha già vinto, perché il sangue di Cristo versato (dai preti) può lavare tutte le viltà, i tradimenti, i peccati del mondo. A condizione - ovviamente - che

lunedì 12 gennaio 2015

L'Europa è morta. Abbandoniamo il cadavere

di Giovanni Zenone
L'Europa apostata ha rinnegato formalmente tutti i suoi valori fondanti e non le è rimasta che una caricatura di essi, una caricatura blasfema e disgustosa che ha in Charlie Hebdo l'immagine oggi più rappresentativa. Non c'è quindi da stupirsi che, davanti a una cultura e una civiltà del nulla, come le definiva il Card. Biffi, una cultura intrinsecamente violenta, come l'Islam, ma con una identità forte abbia la meglio e non trovi chi la ostacoli. Per difendere il nulla nessuno è disposto a dare o anche solo rischiare la vita. Tutt'altra situazione fu quella, più volte avveratasi, in cui lo stesso Islam violento e barbaro cercò nei secoli passati di

Arte sacra