Cicale o formiche

Dopo le nozze le due cicale misero al mondo - tra appassionate e poetiche cantate - un buon numero di cicalini. I bisogni di tutti quei frugoli erano così impellenti e continui che, messa da parte l'arte del gorgheggio, le liriche cicale, si trasformarono in operose formiche.
Qualche volta sono prese dal rimpianto per l'antica natura. Ma presto la nostalgia evapora quando - sentendo i primi vocalizzi degli amati cicalini - desiderano che durino un po' oltre il finire dell'estate.

Commenti

Post popolari in questo blog

Crociata di preghiera per il Papa e la Chiesa

Scandalo nella diocesi di Verona

Io sto con don Andrea Brugnoli!