lunedì 18 novembre 2013

Eresia in cattedra a Verona

(da La Voce di don Camillo)
Riportiamo la lettera aperta di Patrizia Stella al Vescovo di Verona e alla sua compagnia ereticale - della quale però la responsabilità è sua perché è lui l'autorità, quanto meno da un punto di vista formale - che non essendo capace di fare nemmeno una conversione ripiega invece sulla melassa relativista invitando gente di altre religioni a insegnarci quale sia la loro fede. Insomma, un po' come se Mediaset desse spazio televisivo per far pubblicità alla Rai! A questi passi di apostasia conclamata è giunta la Diocesi di Verona. Che non ci si chieda più di non giudicare i nostri pastori! Li vogliamo estromessi con infamia dai posti che occupano indegnamente! Potranno essere perdonati e relegati a posti del tutto marginali solo se si pentiranno e faranno ammenda del male compiuto. Qui non si tratta più della debolezza in stile don Abbondio di un Vescovo e dei suoi più stretti collaboratori, non si tratta solo di una caduta in un peccato momentaneo, che sarebbero perdonabili, ma della diabolica perseveranza nell'errore e nell'induzione dei propri sottomessi all'errore. Tollerare questo abominio, questa viltà, questa collaborazione col Nemico non è atto di carità cristiana ma criminale. Roma deve intervenire, castigare ed estromettere questa gente. Ne abbiamo piene le tasche della falsa carità ecclesiastica che lascia impuniti i cattivi, anzi li premia con posti d'onore e cattedre di docenza, mentre estromette i buoni che si piegano con la debolezza della propria santa obbedienza. Vogliamo un Vescovo e dei preti della tempra   di sant'Ambrogio o san Martino, capace di cacciare senza remissione gli eretici, di avere posizioni virili con le autorità civili.

Verona, 17 novembre 2013
Al Rev. Mons. Ezio Falavegna

A S. Ecc.za rev. Mons. Giuseppe Zenti,
Vescovo di Verona

Ai frati di S. Bernardino e
A tutti i fedeli della diocesi di Verona

LETTERA APERTA

FIERI DI ESSERE CATTOLICI

A nome di molte persone e associazioni che sono venute a conoscenza del programma “Proposta formativa 2013/14” organizzata dal Vicariato di Verona Centro in collaborazione coi i frati di S. Bernardino, mentre ci congratuliamo per l’interessante programma culturale offerto alla città, non possiamo tacere il nostro disappunto davanti ad una iniziativa sconcertante che si trova a pag. 28 del libretto dal titolo “Verso il Natale” e che intende offrire “una serie di riflessioni sul tema della trasmissione della fede nei mercoledì di Avvento e Quaresima” con queste parole:
  • “Vivere e condividere la fede. Le fatiche nel dire la fede, nel trasmetterla ancora, nell’accoglierla ci fanno scoprire quanto abbiamo bisogno di sentirci discepoli più che maestri, cercatori di risposte e fratelli che insieme cercano. Il percorso si articola in due momenti: la trasmissione della fede per l’Avvento e le domande del credere per la Quaresima. Nel tempo di Avvento chiederemo ad una cristiana, Donatella Abignente, a un ebreo, Amos Luzzato e a una mussulmana, Shahrzad Housmand, di raccontarci come avviene nelle tre tradizioni la trasmissione della fede, come si struttura il processo del credere”.

Ci domandiamo esterrefatti quale “fede” dovrebbero trasmetterci costoro dal momento che, oltretutto, la loro non è fede ma piuttosto religiosità? Forse la religiosità di una delle molte chiese protestanti, visto che la relatrice cristiana non si sa bene a quale
corrente appartiene? O forse quella del relatore ebreo per il quale il vero Messia deve ancora nascere? O peggio ancora quella della relatrice musulmana che conosce Gesù Cristo solo attraverso una brevissima sura del Corano dove viene appena menzionato come profeta, figlio di Maria, di gran lunga inferiore a Maometto? Senza dire che agli infedeli idolatri è riservata la sorte di essere tutti ammazzati in nome di Allah, (Cor. 2,216 - Cor. 9,5 - Cor. 66,9) perché, secondo la legge coranica, essi non hanno alcun diritto se non quello di diventare musulmani!
  • Sarebbero costoro che ci devono insegnare come trasmettere la fede in prossimità del Natale, festività che essi ignorano perché celebra l’evento “cattolico!” più sconvolgente della storia, che è L’INCARNAZIONE, cioè la nascita di Gesù, vero Dio che si fa uomo per la nostra salvezza?
  • Sarebbero questi i nuovi “maestri” della fede cristiana che oggi neppure i preti ci insegnano nella sua integrità e bellezza per delegare il loro compito a miscredenti di turno? Mentre a noi, poveri cattolici ormai senza identità, ridotti a ruolo di perenni “discepoli”, spetterebbe solo il compito di continuare la ricerca di una fantomatica “Verità” sempre più evanescente, nebulosa e incerta propostaci proprio da chi rinnega Cristo, sia pure in buona fede, nel loro credo e nella loro vita?

Questi confronti interreligiosi potevano essere inclusi, al limite, nella parte riguardante “la lettura interconfessionale della Parola”, tenendo comunque presente che, in questo mondo di miscredenza, di incertezze, di infedeltà, di tradimenti, di calamità, di guerre,… noi cattolici dobbiamo smetterla col nostro complesso di inferiorità e sentirci fieri di essere cattolici, perché siamo certi di possedere la Verità, nonostante i nostri errori e peccati personali, che è Gesù Cristo, “Via, Verità e Vita” che ci guida sulla strada giusta, quella Verità che ci viene dalla Rivelazione Cristiana, la più studiata, vagliata, analizzata e “vivisezionata” come nessun altra al mondo, l’unica che dà luce, forza e coraggio al nostro cammino, l’unica Verità sulla quale un giorno saremo severamente giudicati proprio dall’autore della Verità, nostro Signore Gesù Cristo che l’ha affidata a noi come dono da custodire e tramandare.


Questo era nostro dovere segnalare, mentre porgiamo i nostri distinti ossequi.


                                                          Per i Centri Culturali: Nicolò Stenone, Cultura Cristiana e altri
Patrizia Stella

4 commenti:

Simone ha detto...

Vorrei intanto rassicurare l'autore dell'articolo che Donatella Abignente è cristiana cattolica e che insegna Morale Fondamentale alla Facoltà di Teologia della Pontificia Università Gregoriana.
Per quanto riguarda invece i pericolosi "eretici" che tanto vi fanno paura:
- Amos Luzzatto è un saggista, docente e chirurgo, da sempre in lotta contro razzismi e discriminazioni.
- Shahrzad Houshmand è docente presso l’Università Pontificia Gregoriana, una delle sue tre lauree è in Teologia cristiana, si batte per i diritte delle donne del suo paese natale, l'Iran, e collabora con movimenti cristiani per il dialogo interreligioso.

E' chiaro come il sole che se l'autore avesse un decimo della saggezza e dello spessore morale di anche solo una di queste persone, sicuramente non scriverebbe certe palesi idiozie e non dipingerebbe personaggi degni del più profondo rispetto come dei "miscredenti" da cacciare e disprezzare.

alex ha detto...

caro Simone,
è chiaro come il sole che . . . . . per gli orbi non è mai giorno ! Ma c'è di peggio, c'è chi non vuol proprio aprire gli occhi.

Simone ha detto...

Caro alex,
la prego allora, mi illumini. Io ho esposto la mia posizione con chiarezza e argomentazione logica: lei è capace di fare lo stesso?

Ponzio ha detto...

No che non è capace. Ponzio parla, la gente tace.

Arte sacra