domenica 20 gennaio 2013

Irrilevanza

di Giovanni Zenone
Meglio il circo professionale che questo!
L'astuto parroco viene incontro alla sensibilità della gente mettendo le chierichette, le donne sull'altare e a dare la Comunione, lasciando spazio ai giovani che gracchiano e tambureggiano durante la Messa. È simpatico e scherzoso, arguto nel parlare e sempre con un sano riferimento all'attualità, con la rigorosa stilettata ai cattivi ricchi e la consueta esortazione a dare più beneficenza, ad essere più accoglienti, a smetterla di insistere sulla nostra identità per aprirci all'ecumenismo, alla diversità ecc. ecc.
Guardo dentro me stesso e mi accorgo che le mie orecchie si
sono chiuse. Rivolgo allora lo sguardo Crocifisso e parlo con Lui, soffrendo. Mi guardo in giro e vedo la gente con gli occhi assenti, indifferente. Tutte le fantasie del prete aggiornato  scorrono loro addosso come l'acqua sulla pietra. La sua infeconda lussuria ecumenica e liturgica isterilisce l'interesse dei fedeli che vengono ancora a Messa per dovere ma chiudono l'audio prima di entrare. Mi rendo conto che la speranza della Chiesa è proprio l'irrilevanza a cui i fedeli condannano l'adulterio teologico dei preti moderni. Vengono (veniamo) a Messa, ricevono Cristo sacramentato, efficace di per Sé indipendentemente dalla predica vuota o dannosa, e se ne vanno con Gesù nel cuore ma senza alcun ricordo delle idee geniali dell'arguto pretino. I preti moderni moriranno - per fortuna - ma i fedeli rimarranno. La contaminazione, grazie alla santa irrilevanza, è esigua. Verranno tempi e preti migliori, e dove ora c'è il deserto torneranno a crescere i fiori calpestati in nome dell'apertura al mondo. E l'orecchio del Popolo di Dio tornerà ad ascoltare.

2 commenti:

slowlife ha detto...

mmm...interessante.
quindi è irrilevante la santità e la capacità di tradurre il vangelo alle persone di questo tempo... a questo punto è meglio il latino... che nessuno di noi capisce ma che è la "lingua di Dio" e che da quel senso di mistero.
E poi... l'eucarestia è efficace di per Sè... mmm... allora vuol dire che dovrebbe santificarti anche senza la tua collaborazione...
Eh già... chissà Dio come si innervosisce a sentire un po' di batteria in Chiesa...
Credo che i Cristiani (soprattutto i giovani) si allontanino dalla messa per altri motivi (cfr confermazione come festa dell'addio) e quei pochi che ci vanno per la maggior parte lo fanno per tradizione sociale più che per convinzione di fede...
ai posteri l'ardua sentenza!

alex ha detto...

Un parroco viene incontro alla gente ... a me sembra cosa buona e giusta. Le donne sull'altare, è cosa biasimevole ?
E'simpatico, scherzoso ed arguto; Lei lo preferisce antipatico, introverso e stupidotto ?
I ricchi sono per forza dei buoni ?
Si accorge che le sue orecchie sono chiuse ? . . . . non c'è peggior sordo di chi non vuole sentire.
La gente le sembra indifferente ? . . . eppure se ne va con Gesù nel cuore.
Le fantasie scorrono come acqua sulla pietra ? . . . .eppure l'acqua consuma la pietra, e qualche volta la spezza !
Verranno tempi e preti migliori ? . . . .mah . . . con quel che si sente di questi tempi . . . . speriamo !! E l'orecchio del Popolo di Dio tornerà ad ascoltare ? . . .bisognerebbe guardare dentro di se . . .ed accorgersi che abbiamo messo le cuffie!