venerdì 21 marzo 2008

Appello elettorale di Storia Libera

Il direttore e i collaboratori di Storia Libera, nella convinzione della grande importanza delle prossime consultazioni politiche, e nella certezza che sia dovere di ogni cattolico essere presente, per amore della Chiesa e della Patria, rivolgono a tutti gli amici che seguono la vita del sito e dei forum questo appello elettorale:- premesso che confermiamo che Silvio Berlusconi è l’unico leader politico in grado di assumere la Presidenza del Consiglio, per avviare il Paese alla ricostruzione, dopo quasi due anni di disastroso esperimento comunista, dobbiamo specificare che:- la grande stima e l’affetto che nutriamo per Ferrara, che ha dimostrato coraggio e razionalità eccezionali , non ci impedisce di sottolineare l’inopportunità politica di un voto alla sua lista;- valutiamo opportuno, in tutte le sedi in cui sia presente con le sue liste, dare il nostro voto alla Lega, come soggetto di posizioni nette e inequivoche all’interno del centrodestra;- in tutte le altre sedi valutiamo opportuno dare il nostro voto al Popolo della Libertà, senza farci confondere dalle tattiche di Veltroni, che tende sempre più a sfumare differenze che invece esistono, e sono profonde e determinanti;- abbiamo profonda ed esplicita diffidenza per un “centro”, che pretende di contrabbandarsi come luogo naturale del voto cattolico, mentre appare, anche per il vissuto dei suoi leader, come luogo di un pericoloso e destabilizzante opportunismo, pronto a future alleanze col miglior offerente.
Il 13 e 14 aprile 2008 si giocano le sorti del nostro Paese, il futuro dei nostri figli, la nostra identità religiosa, culturale e naturale. È il momento delle scelte nette e decise.

Nessun commento: